top of page
  • Writer's pictureStelleconfuse

Lorenzo Pezzatini (Italy)

Updated: Dec 20, 2022

Brother in Sticker Art: Lorenzo Pezzatini

Stickers in the street from: 1986 - Home-made stickers / 2002 - Filotape

City: Firenze

State: Italy



1 - Introduce your sticker art project

Il Filo was born in 1977 from the idea of experimenting with acrylic color, in order to separate the color itself from the canvas-surface and to definitively take a distance from painting and its commercial implications.

The linear form interspersed with excrescences according to a precise Blue-Yellow-Red sequence, which draws inspiration from a kind of primitive DNA …a kind of generative cell, would have given life and meaning to all my artistic endeavor.

Filografia Urbana (Urban Filography) born in 1982 in Rome on large white advertising billboards measuring 3X6 metres, after the very first experiments with sprays on the walls of Soho in New York. I had often admired Keith Haring's drawings with white chalks on a black background in the New York subway and when I realized that here in Italy the large 3X6 surfaces were covered with white backgrounds during the advertising gaps, I had the idea of occupying those interstices with my sign/Filo in order to arouse the curiosity of the often distracted gaze of the passer-by and the driver. Later, towards the end of the 1980s, I extended Filografia Urbana to Florence and in 1998 I created the IRRADIAZIONI (Irradiations Project) for the Pecci Museum and the Municipality of Prato.

I cannot say that the Filo acts as a real message in the strict sense, even if in the form of the Filografia Urbana it is presented in a direct and impactful way. The diffusion and sense of the Filo have in themselves the value of the originality of its creation and its obsessive “repetitiveness”. Discovering its infinite variations and versions is part of the precious game of living.

Filotape was born about twenty years ago as one of the many derivations, re-interpretations and manifestations of Filo and therefore not as a real project, but as a superfetation and a sort of spontaneous and rhizome-like growth.

I needed to have an “industrial” version of Filo available that would allow me to quickly cover surfaces. The “ad infinitum” characteristic of the Filo was perfectly adapted to the characteristics of the adhesive tape. Both unwind, bond and seal, can be cut and reconnected.

Filotape adheres to any surface of urban furniture and supports the Filografia Urbana developed first in New York (1982) then in Rome (80s) and subsequently in Florence.

I like the idea of soliciting an enigma in the distracted and hurried glance of the people who pass through our cities and of leaving them with a sort of riddle which they will eventually go on to decipher. Filotape, due to its “sticking” quality, initially brought me close to the world of stickers, even if the message in my case was less explicit.

Later I developed the idea of using the Filotape to create installations and performances where its reference to the origin of the Filo was more evident. Filotape has also been used as a real adhesive tape to pack and close parcels, as well as in the various uses that can be made of it. Its functionality as an adhesive tape has often inspired me to spread it as a sign/memory of Filo itself. I consider the adhesive tape one of the great inventions of the 20th century.


2 - In what creative ways have you collaborated with other sticker artists?

Not exactly with Filotape, but I have often given rolls to artist friends and admirers so that they could make the most welcome and congenial use of them. However in 2012 (https://youtu.be/ZSlMmgFNAlE) and then in 2018 (https://youtu.be/Z_KJxclGR38) I organized two exhibitions at the SACI - Gallery of the Student Art College International, where I also taught for more than twenty years, with the title “ll FILO degli ALTRI”. In the first 120 and in the second 150 artists participated with their own interpretation of my Filo as well as with their filo, giving life to a beautiful and interesting overview on a theme that has proved and continues to prove to be of great interest.


3 - Have you ever organized an event about sticker art? If not, you can write something about an event you have attended

In 2002, as part of the “Tracce Fuori Centro” review, I created a three-hour performance in the deconsecrated chapel of Villa Vogel in Florence during which I was totally Filotaped on the floor with the exception of my right arm. The hand was free to operate a remote control connected to a monitor and to show a previously prepared video (https://www.youtube.com/watch?v=fIBt0_CSSFA) (ON) or to interrupt (OFF) or connect with available TV channels (OF). That evening RAI (national public broadcasting company of Italy) aired “The Silence of the lambs”!

In 2014 I created the Cosmatesca installation at the Sensus Foundation in Florence

in which the Filotape entirely covered a large floor of over 60 square meters. Externally the Filotape ran in its linear extension, while in the internal part in Filotape suitably cut and reassembled it defined the geometric figure of the octagon gradually closer and closer to a mosaic/cosmatesca style.

In the center an octagonal mirror with water offered the spectator his own reflected and waving image.


4 - What are your future projects in the world of sticker art?

No, but Filotape rolls are always in my studio ready to be use.


5 - What sticker artists do you admire or are important to you?

No, but I must admit that I had noticed Stelleconfuse and Frenopersciacalli in the variegated panorama that Florence produces. However, due to my origins, my reference remains art and the history of art even if in my own way I am “crossing and rewriting it” making use of some methodologies that do not exclude atypical forms of communication. Many years ago when I created FILO (1977) while in the U.S.A. I had some artist friends who moved in the context of Mail Art which at the time was linked in part to Dadaism and Surrealism but with more explicitly political connotations and with the expicit desire of taking distance from the context of commercial art and its institutional relations.

I remember some of them creating stickers that I would call home-made since they were self-produced and printed on a photocopier. Along these lines, at the beginning of the 1980s, when I started with Filografia Urbana in Rome, I also produced a few hundred home-made stickers for address books printed in photocopies which I stuck first in Rome and later also here in Florence.

The artists who have influenced me the most are: Alberto Burri and Lucio Fontana, Yves Klein and Piero Manzoni, Keith Haring and many other N.Y. street artist of the ‘80ies. More recently those artists who have worked in pairs for example Gilbert/George, Christo/Jeanne Claude, Ulay/Abramovic, Doug and Mike Starn, Jake and Dinos Chapman etc etc. with whom I feel somewhat close having created and continued over the years a supportive and indissoluble couple relationship with Filo… but in my case replacing the subject with the object.

Contatcs:

Instagram: pezxatini




Testo in italiano

1 – Introduci il tuo progetto di sticker art

Il Filo nasce nel 1977 dall’idea di sperimentare con il colore acrilico, al fine di separare il colore stesso dalla tela-superficie e di prendere definitivamente le distanze dalla pittura e dalle sue implicazioni commerciali. La forma lineare intercalata da escrescenze secondo una precisa sequenza Blu-Giallo-Rosso, che trae ispirazione da una specie di DNA primitivo …una specie di cellula generativa , avrebbe dato vita e senso a tutta la mia poetica artistica.

La Filografia Urbana nasce nel 1982 a Roma sui grandi cartelloni bianchi pubblicitari da 6,00 X 3,00 metri, dopo i primissimi esperimenti con spray sui muri di Soho a New York. Avevo spesso ammirato i disegni con i gessetti bianchi su fondo nero di Keith Haring nella metropolitana di New York e quando mi accorsi che qui in Italia le grandi superfici 6X3 venivano coperte di fondi bianchi durante i vuoti pubblicitari, ebbi l’idea di occupare quegli interstizi con il mio segno/Filo al fine di sollecitare la curiosità dello sguardo spesso distratto del passante e dell’automobilista. In seguito verso la fine degli anni ’80 estesi la Filografia Urbana a Firenze e nel 1998 realizzai il Progetto Irradiazioni per il Museo Pecci e il Comune di Prato.

Non posso dire che il Filo agisca come un vero e proprio messaggio in senso stretto, anche se nella forma della Filografia Urbana si presenta in maniera diretta e d’ impatto. La diffusione ed il senso del Filo hanno in sé il valore dell’originalità della sua creazione e della sua ossessiva “ripetitività”. Scoprirne le sue infinite declinazioni e versioni è parte del prezioso gioco del vivere. Il Filotape nasce una ventina di anni fa come una delle tante derivazioni re-interpretazioni e manifestazioni del Filo e quindi non un vero e proprio progetto, ma una superfetazione e una sorta di crescita spontanea e rizzomatica.

Avevo bisogno di avere a disposizione una versione “industriale” del Filo che mi consentisse di coprire velocemente delle superfici. La caratteristica “ad infinitum” del Filo si adattava perfettamente alle caratteristiche del nastro adesivo. Entrambi si srotolano, legano e sigillano, possono essere tagliati e riconnessi.

Il Filotape aderisce a qualsiasi superficie dell’arredo urbano ed è di supporto alla Filografia Urbana sviluppata prima a New York (1982) poi a Roma (anni ’80) e successivamente a Firenze.

Mi piace l’idea di sollecitare un enigma nello sguardo distratto e frettoloso delle persone che transitano le nostre città e di lasciare in loro una sorta di rebus che poi eventualmente andranno a decifrare. Il Filotape, per la sua qualità “sticking”, mi ha portato all’inizio vicino al mondo degli sticker, anche se il messaggio nel mio caso era meno esplicito.

In seguito ho sviluppato il Filotape per creare installazioni e performance dove era più evidente il suo richiamo all’origine del Filo. Il Filotape è stato anche usato come vero e proprio nastro adesivo per confezionare e chiudere pacchi, nonchè negli svariati usi che se ne possa fare. La sua funzionalità di nastro adesivo mi ha spesso ispirato la sua diffusione come segno/memoria del Filo stesso, Considero il tape/nastro adesivo una delle grandi invenzioni del XX secolo.

2 – Ai collaborato in qualche modo creative con altri artisti su un progetto che riguarda la sticker art? Non proprio con il Filotape, ma ho regalato spesso dei rotoli ad amici artisti e ad estimatori perché ne facessero loro l’uso più gradito e congeniale. Comunque nel 2012 (https://youtu.be/ZSlMmgFNAlE) e poi nel 2018 (https://youtu.be/Z_KJxclGR38) ho organizzato due esposizioni presso la SACI Gallery della Student Art College International, dove ho anche insegnato per più di venti anni, con il titolo “ll FILO degli ALTRI”. Nella prima 120 e nella seconda 150 artisti hanno partecipato con la loro interpretazione del mio Filo, dando vita a una bella ed interessante panoramica su un tema che si è rivelato e continua a rivelarsi di grande interesse.

3 - Hai mai organizzato un evento sulla sticker art? Se no, scrivi qualcosa su un evento a cui hai partecipato Nel 2002, all’interno della rassegna “Tracce Fuori Centro”, ho realizzato una performance durata tre ore nella cappella sconsacrata di Villa Vogel a Firenze durante la quale venni totalmente Filotaped sul pavimento con l’eccezione del mio braccio destro. La mano era libera di agire su un telecomando collegato ad un monitor e di mostrare un video preparato in precedenza (https://www.youtube.com/watch?v=fIBt0_CSSFA) (ON) oppure di interrompere (OFF) o di collegarsi con i canali televisivi disponibili (OF). Quella sera la RAI mandava in onda “Il Silenzio deli Innocenti!”

Nel 2014 ho realizzato l’installazione Cosmatesca presso la Fondazione Sensus di Firenze nella quale il Filotape copriva interamente un grande pavimento di oltre 60 mq. Esternamente il Filotape correva nella sua estensione lineare mentre nella parte interna in Filotape opportunamente tagliato e ricomposto definiva la figura geometrica dell’ottagono via via in maniera sempre più vicina ad una forma di mosaico/cosmatesca.

Al centro uno specchio ottagonale con l’acqua offriva allo spettatore la propria immagine riflessa ed ondeggiante.


4 - Hai qualche progetto futuro legato alla sticker art? No, ma i rotoli di Filotape sono sempre pronti per l’uso.

5 - Ci sono sticker artist che ammiri o ritieni importanti per te? No, ma devo ammettere che avevo notato Stelleconfuse e Frenopersciacalli nel panorama variegato che Firenze produce. Il mio riferimento resta comunque per via delle mie origini, l’arte e la storia dell’arte anche se a mio modo sto “attraversandola e riscrivendola” con metodologie di intervento che non escludono anche le forme di comunicazione atipiche. Molti anni fa quando ho creato il Filo (1977) mentre mi trovavo negli U.S.A. avevo degli amici artisti che si muovevano nel contesto della Mail Art che all’epoca si riallacciava in parte al Dadaismo e al Surrealismo ma con connotati più esplicitamente politici e di presa di distanza dal contesto dell’arte commerciale e dalle sue relazioni istituzionali.

Ricordo alcuni di loro creavano degli sticker che definirei home-made poiché erano autoprodotti e stampati su fotocopiatrice. Su questa falsariga agli inizi degli anni ’80 quando cominciai con la Filografia Urbana a Roma, produssi anche qualche centinaio di home-made sticker per indirizzari stampati in fotocopia che attaccai prima a Roma ed in seguito anche qui a Firenze.

Gli artisti che più mi hanno influenzato sono stati: Alberto Burri e Lucio Fontana, Yves Klein e Piero Manzoni, Keith Haring e molti altri street artist newyorchesi degli anni '80. Più recentemente i tanti artisti che hanno lavorato in coppia per esempio: Gilbert/George, Christo/Jeanne Claude, Ulay/Abramovic, Doug and Mike Starn, Jake and Dinos Chapman etc etc. con i quali mi sento in qualche modo vicino avendo creato e portato avanti negli anni un rapporto di coppia solidale e indissolubile con il Filo e avendo però sostituito il soggetto con l’oggetto.

201 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page